Brand Storytelling

Il potere del Brand Storytelling: come creare connessioni emotive con il pubblico

Il Brand Storytelling è una tecnica di comunicazione potente che permette alle aziende di creare un legame profondo ed emotivo con il loro pubblico. In un’epoca, però, in cui i consumatori sono sommersi da messaggi promozionali, riuscire a distinguersi e a entrare nel cuore del cliente è una sfida decisiva. Quindi, come il Brand Storytelling può aiutarci a costruire un’identità di marca forte e coerente, trasmettendo i nostri valori aziendali e coinvolgendo emotivamente il nostro target?

Brand Storytelling: partiamo dalle basi!

L’obiettivo principale del Brand Storytelling è trasmettere un’immagine coerente ed efficace del brand, evocando emozioni e stabilendo un legame emotivo con il pubblico. 

La narrazione si basa su elementi come la storia della marca, i suoi valori fondamentali, i prodotti e servizi offerti, e le persone che vi lavorano (questo punto è fondamentale!). Presentati in una forma avvincente e credibile, questi elementi possono suscitare l’interesse del pubblico e a far sì che esso si senta parte della storia del brand.

Ma come si costruisce l’Identità di Marca?

Costruire l’identità di marca attraverso il Brand Storytelling e i valori aziendali è un processo fondamentale per qualsiasi azienda che desideri differenziarsi. Questo processo influenza la Brand Image, ovvero la percezione del brand da parte dei consumatori, creando un’immagine forte e coerente.

I valori aziendali sono la base su cui si costruisce la narrazione e definiscono ciò che la marca rappresenta e ciò in cui crede (…davvero!). Non dimenticare che la coerenza tra i valori aziendali e le azioni dell’azienda è fondamentale per la credibilità e la reputazione del brand. Inoltre, differenziarsi dai competitor e stabilire un legame duraturo con il pubblico è essenziale per la Customer Retention.

Gli step fondamentali del Brand Storytelling

Per costruire una narrazione efficace, ci sono diversi passaggi chiave da seguire:

  1. Definire l’identità: prima di iniziare a raccontare la storia del brand, è importante definire i suoi valori, la sua mission e la sua immagine.
  2. Costruire una narrazione coerente: la narrazione deve essere coerente con i valori e la mission, evitando incoerenze.
  3. Coinvolgere il pubblico: nell’era dei social media, il coinvolgimento diretto del pubblico nella narrazione del brand crea un legame più forte e attivo.
  4. Utilizzare diversi canali: la multicanalità permette di presentarsi in modo coerente su più piattaforme – social media, sito web, PR, pubblicità – sfruttando al meglio le opportunità di ogni canale.
  5. Mostrare, non solo dire: bisogna dimostrare i valori aziendali attraverso le azioni dell’azienda, non solo con proclami.
  6. Brand monitoring: monitorare il sentiment del pubblico consente di valutare l’efficacia della narrazione e apportare eventuali correzioni.

→ Leggi anche: Quali sono i contenuti corporate più efficaci?

L’Etichettatura narrativa per comunicare i benefici di un prodotto

Brand Storytelling

L’etichettatura narrativa e il Brand Storytelling sono due approcci complementari per costruire e comunicare l’identità di un brand. Mentre l’etichettatura narrativa descrive un prodotto o servizio attraverso una narrazione, il Brand Storytelling si concentra sulla narrazione globale della marca. Utilizzare entrambi gli approcci aiuta a creare un racconto più robusto, soprattutto in contesti in cui un prodotto di punta potrebbe sovrascrivere o influenzare la comunicazione corporate.

Esempi di Brand Storytelling efficace

Alcuni esempi di Brand Storytelling ben riuscito includono:

  • Apple: La narrazione di Apple si concentra sulla semplicità di utilizzo, la creatività e l’innovazione, mostrando come i suoi prodotti migliorano la vita quotidiana delle persone.
  • Nike: Con il celebre payoff “Just Do It”, Nike ispira le persone a superare i propri limiti e a raggiungere i propri obiettivi, creando un forte legame emotivo.
  • Airbnb: Airbnb invita i viaggiatori a vivere come i locali ovunque vadano, puntando sulla scoperta e sulla condivisione.
  • Patagonia: Patagonia si distingue per il suo impegno per la sostenibilità e per un futuro green, mostrando coerenza tra prodotti, valori e narrazione.

Brand Storytelling nel B2B

Anche nel settore B2B, il Brand Storytelling è efficace per differenziarsi dalla concorrenza e costruire relazioni durature. Esempi di successo includono:

  • IBM: Si concentra sulla tecnologia e sull’impegno per la sostenibilità e la responsabilità sociale.
  • Hubspot: Trasforma il modo in cui le aziende fanno affari con soluzioni di marketing all-in-one.
  • Salesforce: Mette al centro la creazione di un mondo più connesso e l’impatto positivo delle buone relazioni d’affari sulla società.

 

→ Leggi anche: Bonus Export Digitale 2024 per le imprese manifatturiere

Software utili per il Brand Storytelling

Utilizzare strumenti digitali e software di gestione dei contenuti facilita la creazione e la gestione di una narrazione efficace, capace di catturare l’attenzione e l’interesse del pubblico.

Diversi software possono aiutare a creare e gestire la narrativa di un marchio:

  • Adobe Express: Per creare grafiche social, video brevi e pagine web.
  • AdEspresso: Per gestire campagne pubblicitarie sui social media.
  • Hootsuite: Per pianificare e monitorare i contenuti sui social media.
  • Canva: Per creare video, immagini e infografiche.
  • CoSchedule Headline Analyzer: Per migliorare i titoli dei contenuti.
  • Kapost: Per gestire il Content Marketing come un processo aziendale strutturato.
  • Sprout Social: Per gestire i profili sui social media e monitorare le performance.